FIORI DI BACH: fiducia e armonia

Un interrogativo su cui da qualche anno sto ragionando, e su cui sto raccogliendo dati, è l’aspetto emozionale nei problemi che riguardano la deglutizione, ossia quanto c’entri l’instabilità emozionale nel bambino in cui permane una deglutizione infantile, che può diventare anche causa di problematiche alla colonna vertebrale. L’interrogativo è ancora aperto. Ma poiché Bach mi è maestro, seguo il suo consiglio: ‘Lasciate perdere la malattia. Pensate solo al genere di vita che conduce chi ne è afflitto’ (I dodici Guaritori ed altri rimedi). È ovvio che se un genitore mi porta un bambino con deglutizione deviante, la tratterò, e lo farò nel modo più naturale e meno invasivo possibile, ma cerco di guardare oltre… e non aggiungo altro: il resto ve lo diranno i genitori di B. e R.

 

Siamo i genitori di una bambina di 8 anni e mezzo di nome B..

Circa 3 anni fa una visita odontoiatrica di controllo evidenziava che B. avesse il palato stretto e quindi saremmo dovuti intervenire con apparecchi correttivi. Da allora ne sono succeduti vari tipi, da quello fisso a quello mobile passando poi al byte ed all’attivatore, conseguendo, ai fini puramente tecnici, dei buonissimi risultati.

Col tempo, modificando la struttura della bocca, si è reso necessario l’intervento anche di sedute osteopatiche e di controlli oculistici, in quanto tali modificazioni evidenziavano imperfezioni sulla forma della sua spina dorsale ed sul corretto funzionamento della vista.

Nello stesso tempo, consigliati sempre dal medico dentista, si è approdati anche alla terapia logopedica, perché tutto il lavoro fatto aveva bisogno di uno specifico intervento sulla deglutizione, sul corretto uso della lingua durante i pasti e sulle tensioni muscolari varie.

Psicologicamente la bambina sembrava essere molto più matura della sua età ma i suoi limiti risiedevano a volte nella difficoltà di imporsi nelle decisioni evitando di dire la propria.

La logopedista allora ci ha proposto di far intraprendere a B. una cura a base di ‘fiori di Bach’.

Il consiglio ha avuto seguito. B. da tempo li assume regolarmente ed i suoi progressi sono  veramente evidentissimi.

Ora sa dire di no ed esprimere la sua opinione (a volte con nostro grande stupore) denotando una maggiore fiducia in sé.

Fisicamente le sue tensioni si sono attenuate; ora appare anche più armoniosa nei movimenti. I controlli oculistici hanno rivelato la quasi totale assenza di problemi e notevoli progressi si sono riscontrati anche a livello osseo.

Visti tali risultati anche noi abbiamo intrapreso una cura a base di ‘fiori di Bach’ e con noi l’altra nostra figlia R. di 5 anni, ognuno con motivazioni ed obbiettivi diversi, ma tutti riusciamo a distinguerne i benefici.

Articoli Correlati:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>